Archivi categoria: Osteopatia Biodinamica

terapia manuale per il benessere psico-fisico della persona effettuata con un leggero tocco da parte dell’operatore

L’APPROCCIO OSTEOPATICO BIODINAMICO

L’approccio osteopatico biodinamico è orientato a contattare e stimolare la forza della salute piuttosto che a focalizzarsi esclusivamente sui problemi delle persone.

Si rivolge alla percezione dei ritmi e flussi dell’energia vitale più lenti e profondi. Nell’approccio Biodinamico questi ritmi, chiamati “Respirazione Primaria”, rappresentano la fondamentale espressione della nostra salute e vitalità.

Attraverso una modalità di contatto non-direttiva, orientata al sostegno, all’ascolto profondo e a una qualità di presenza appropriata, viene ripristinata una connessione con questi ritmi naturali a favore della riattivazione dell’equilibrio dell’intero organismo.

CURARE LE VERTIGINI CON L’OSTEOPATIA BIODINAMICA

Le vertigini generalmente si manifestano con la sensazione che la persona, o l’ambiente circostante, si stia muovendo o stia ruotando; la percezione può essere lieve, oppure così forte da non consentire di mantenere l’equilibrio e di svolgere le attività quotidiane.
 
L’osteopatia biodinamica risulta molto utile in caso di vertigini in quanto, attraverso palpazioni molto delicate da parte dell’operatore, si tende a bilanciare le tensioni alla base del collo, le tensioni membranose del cranio e le disfunzioni che possono interferire con la normale fisiologia dei neurorecettori dell’equilibrio.
 
Il dottor Gianluca Gagliardi osteopata e terapista della riabilitazione, esegue trattamenti di osteopatia biodinamica per le vertigini presso il suo studio in:
📍C.so Vittorio Emanuele n. 2, Ascoli Piceno.
 
📲📩  .Per fissare un appuntamento chiamare al 339.5613188 o in alternativa inviare un messaggio in chat.
 
 

LA TECNICA DI CONTATTO DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica è una tecnica di contatto e di relazione che l’operatore applica attraverso le mani, la presenza il cuore e il tempo.

Il principio vitale si manifesta attraverso dei movimenti ritmici (come la respirazione o il battito) ma anche da ritmi lenti chiamati “maree.

Queste sono l’espressione di una potenza profonda delle forze della Salute, che agisce nel sistema dei fluidi del corpo e che Sutherland chiamò il Respiro della Vita.

l’efficacia dell’osteopatia biodinamica per i dolori mucolari e articolari

L’osteopatia biodinamica è particolarmente efficace nel trattamento di dolori muscolari e articolari.

Attraverso palpazioni molto delicate, gli operatori che applicano questa terapia riescono a ridurre le tensioni e migliorare la mobilità delle articolazioni, riducendo di conseguenza il dolore in modo naturale.

I CAMPI DI APPLICAZIONE DI OSTEOPATIA BIODINAMICA

Il campo d’applicazione dell’osteopatia biodinamica è molto ampio. Queste sono le problematiche più comuni in cui è indicato il trattamento:

  • disfunzioni neonatali strutturali e/o funzionali;
  • disturbi comportamentali nel bambino;
  • disturbi osteoarticolari e viscerali;
  • anomalie cranio-facciali;
  • disturbi temporo-madibolari.

L’approccio osteopatico biodinamico non ha controindicazioni ed è adatto a tutte le età, dal neonato alla persona anziana.

COME AVVIENE UNA SEDUTA DI OSTEOPATIA BIODINAMICA

Durante una seduta di osteopatia biodinamica il soggetto si sdraia rilassandosi sul lettino e l’operatore appoggia delicatamente le mani sulle diverse parti del corpo, che possono essere cranio, caviglie e spalle.
 
Successivamente si sintonizza con la persona e la sua Respirazione Primaria, ascoltandola attraverso il contatto.
 
Il contatto è relazionale e ricettivo; l’osteopata percepisce il sistema del paziente mediante le sue mani e attiva il processo di riequilibrio dell’intero organismo.

LO SCOPO DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

La pressione e le manipolazioni leggere praticate dall’operatore che applica l’osteopatia biodinamica agiscono direttamente sulle membrane nelle quali circola il liquido cerebrospinale.

Il trattamento va quindi a normalizzare il movimento del sistema cranio sacrale allentando eventuali tensioni o restrizioni frutto di traumi fisici.

Lo scopo di questa terapia quindi, è quello di condurre l’organismo a riattivare i propri meccanismi di funzionamento e auto correzione, stimolando così l’equilibrio del sistema neuro vegetativo e contribuendo a eliminare le cause che hanno generato i vari disturbi.

 

CURARE LA CERVICALE CON L’OSTEOPATIA BIODINAMICA

La cervicalgia, o dolore cervicale, è una sindrome prevalentemente caratterizzata da una sensazione di dolore a livello del tratto cervicale, la porzione di colonna vertebrale che comprende le prime sette vertebre.

Attraverso l’approccio osteopatico biodinamico si valuta il problema nella sua globalità, analizzando le varie strutture coinvolte nel disturbo: vertebre, articolazioni, legamenti, muscoli e nervi,  mettendole in relazione tra loro per capirne l’origine.

Nel caso del dolore cervicale infatti, l’osteopata esamina e tratta, oltre al rachide cervicale, anche altre aree del corpo a esso correlate, come: cranio, bocca, bacino, costato, schiena e a volte anche organi interni.

La palpazioni effettuate dall’operatore sono dolci e non dolorose, finalizzate al ripristino della corretta funzione delle aree del corpo che presentano problemi e non sono integrate correttamente.

 

QUANTE SEDUTE OCCORRONO PER TRATTARE I VARI I DISTURBI

Le sedute di osteopatia biodinamica si effettuano una volta a settimana per un totale di tre settimane.

Trascorsi quindici giorni, massimo un mese dalla conclusione delle stesse, si effettua un controllo per appurare che non si sia verificata una ricaduta,

TRATTARE IL MAL DI SCHIENA CON L’OSTEOPATIA BIODINAMICA

Possono essere molteplici le cause del mal di schiena. Nella maggior parte dei casi è dovuto alla tensione dei muscoli o legamenti che interessano la colonna vertebrale.

Questo disturbo può dipendere anche da una cattiva postura o da lesioni del disco intervertebrale.

In ogni caso l’osteopatia biodinamica risulta molto utile. L’operatore va a individuare la causa che ha generato il problema per poi eliminarla e facilitare il recupero della corretta mobilità.