LO SCOPO DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

La pressione e le manipolazioni leggere praticate dall’operatore che applica l’osteopatia biodinamica agiscono direttamente sulle membrane nelle quali circola il liquido cerebrospinale.

Il trattamento va quindi a normalizzare il movimento del sistema cranio sacrale allentando eventuali tensioni o restrizioni frutto di traumi fisici.

Lo scopo di questa terapia quindi, è quello di condurre l’organismo a riattivare i propri meccanismi di funzionamento e auto correzione, stimolando così l’equilibrio del sistema neuro vegetativo e contribuendo a eliminare le cause che hanno generato i vari disturbi.

 

CURARE LA CERVICALE CON L’OSTEOPATIA BIODINAMICA

La cervicalgia, o dolore cervicale, è una sindrome prevalentemente caratterizzata da una sensazione di dolore a livello del tratto cervicale, la porzione di colonna vertebrale che comprende le prime sette vertebre.

Attraverso l’approccio osteopatico biodinamico si valuta il problema nella sua globalità, analizzando le varie strutture coinvolte nel disturbo: vertebre, articolazioni, legamenti, muscoli e nervi,  mettendole in relazione tra loro per capirne l’origine.

Nel caso del dolore cervicale infatti, l’osteopata esamina e tratta, oltre al rachide cervicale, anche altre aree del corpo a esso correlate, come: cranio, bocca, bacino, costato, schiena e a volte anche organi interni.

La palpazioni effettuate dall’operatore sono dolci e non dolorose, finalizzate al ripristino della corretta funzione delle aree del corpo che presentano problemi e non sono integrate correttamente.