IL PRINCIPIO FONDAMENTALE DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

Principio fondamentale dell’osteopatia biodinamica è l’esistenza di un meccanismo di respirazione delle ossa craniche denominato: “Meccanismo Respiratorio Primario” (MRP) che indica un ritmo armonico tra fasi di espansione e di contrazione, generato dalla fluttuazione del liquido cerebrospinale, dal movimento del cervello e del midollo spinale.
 
L’operatore interagisce con l’impulso ritmico craniale mediante manipolazioni leggere, quasi impercettibili per la persona che sta ricevendo il trattamento; in questo modo è in grado di intervenire sull’intero organismo tramite i collegamenti con il sistema cranio-sacrale.
 

SINDROME TEMPORO – MANDIBOLARE E OSTEOPATIA BIODINAMICA

Le articolazioni temporo-mandibolari (ATM) sono due, una per ogni lato del viso, e uniscono l’osso mandibolare con l’osso temporale del cranio, si trovano ai lati della testa; la loro principale funzione è quella di muovere la mandibola per la masticazione e la fonazione.
 
I movimenti possono essere di tipi diversi: simmetrici, asimmetrici, di limite, di contatto e liberi.
 
Quando l’articolazione non è in perfetta sintonia con uno dei componenti legamentosi, articolari o muscolari si parla di sindrome temporo-mandibolare.
Questo disturbo può comparire col tempo a causa di diversi fattori:
✔️ traumi (testa, mandibola, cervicale);
✔️ malocclusione (ovvero un’errata chiusura dei denti delle due arcate);
✔️ problematiche odontoiatriche (come un mal posizionamento di protesi);
✔️ digrignamento notturno dei denti (bruxismo);
✔️ lussazione della mandibola;
✔️ artrosi dell’ATM.
 
L’osteopatia biodinamica risulta molto utile in caso di sindrome temporo-mandibolare, in quanto attraverso palpazioni molto delicate l’operatore va ad agire:
– in primis sulla colonna vertebrale aiutandola laddove presenta una riduzione della mobilità;
– sul riequilibrio dell’apparato muscolo-scheletrico (in particolare dell’articolazione della masticazione), del sistema cranio-mandibolare;
– infine su tutte quelle strutture che, a causa di questo disturbo, sono correlate e risentono in maniera negativa del disagio.
 
Il Dott. Gianluca Gagliardi, osteopata e terapista della riabilitazione, esegue trattamenti di osteopatia biodinamica per la sindrome temporo-mandibolare presso il suo studio in:
📌 C.so Vittorio Emanuele n. 2, Ascoli Piceno.
 
📲 🖲 Per fissare un appuntamento chiamare al 339.5613188 o in alternativa inviare un messaggio in chat.
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "Studio Osteopatico Gagliardi"
 
 
 

COS’È L’OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica è una pratica, uno spazio in cui il corpo è protagonista.
 
Il corpo è la materializzazione della nostra essenza ed esprime continuamente una storia e un movimento di vita autoregolante (omeostatico e allostatico).
 
Attraverso l’applicazione di questa terapia molto delicata riusciamo ad ascoltare quello che ogni storia ci racconta in modo da far riemergere la salute.

SENTIRE E PERCEPIRE ..

Sentire e percepire …
Questo riesce a fare l’operatore che applica l’osteopatia biodinamica, appoggiando delicatamente le sue mani sul cranio della persona che riceve il trattamento.

MANIPOLAZIONI DELICATE ..

L’osteopatia biodinamica si applica attraverso leggere manipolazioni, quasi impercettibili per il ricevente.
 
L’operatore è in grado di intervenire sulle disfunzioni craniche che possono essere causa di sintomi anche in tutto l’organismo.

OSTEOPATIa biodinamica per la vertigine periferica

La vertigine periferica è il tipo più comune di vertigine ed è causata dai problemi nell’orecchio interno, che gestisce il nostro equilibrio.
 
I sintomi che possono manifestarsi con questo tipo di vertigine sono:
☑ sensazione di capogiro;
☑ nausea;
☑ vomito;
☑ sudori freddi.
 
L’osteopatia biodinamica risulta molto utile in quanto, attraverso una palpazione molto delicate da parte dell’operatore, si tenderà a ridurre lo stato tensivo di quei muscoli che contribuiscono a creare lo stato vertiginoso riducendo di gran lunga i sintomi.
 
Il Dott. Gianluca Gagliardi, osteopata e terapista della riabilitazione, esegue trattamenti di osteopatia biodinamica per la vertigine periferica presso il suo studio in:
📌 C.so Vittorio Emanuele n. 2, Ascoli Piceno.
 
📲 🖲 Per fissare un appuntamento chiamare al 339.5613188 o in alternativa inviare un messaggio in chat.
 

COME SISVOLGE LA PRIMA SEDUTA DI OSTEOPATIA BIODINAMICA

ℹ Come si svolge la prima seduta dall’osteopata:
🟠 in primis l’osteopata rivolgerà al paziente alcune domande per raccogliere informazioni utili riguardanti: il motivo della consultazione, lo stato di salute e la storia clinica; consultando anche i referti che la persona porterà con se, (il costo della visita è compreso con la prima seduta);
🟠🟠 successivamente l’operatore procederà a effettuare il trattamento facendo sdraiare il paziente sul lettino ed entrando in contatto il sistema del ricevente attraverso palpazioni molto delicate.
Questa condizione permetterà ai tessuti della persona che si sottopone alla terapia distendersi, di aprirsi e di raccontare la loro storia, in questo modo inizia il processo di auto-guarigione che permette alla salute di riemergere;
🟠🟠🟠 Alla fine della seduta l’osteopata spiegherà tutto quello che può comportare il post trattamento.

TRATTAMENTI PER

Il Dott. Gianluca Gagliardi, osteopata e terapista della riabilitazione effettua trattamenti di osteopatia biodinamica per:
✔ ernia del disco
✔ lombalgia
✔ vertigini
✔ cervicale e molto altro.
 
Le sedute vengono effettuate in C.so Vittorio Emanuele n. 2, Ascoli Piceno.
 
📲📨 Per fissare un appuntamento chiamare al 339.5613188 o in alternativa inviare un messaggio in chat.

LIQUIDO CEFALO RACHIDIANO

Nell’osteopatia biodinamica l’operatore facilita un fisiologico processo di rilascio nell’area della disfunzione agendo sul naturale flusso del liquido cefalorachidiano che circolando all’interno del sistema nervoso permette al corpo di preservare e trasmettere la salute fin dallo stato embrionale.
 
In questo modo con il trattamento osteopatico biodinamico si evita di operare una manipolazione diretta sulla lesione cercando invece di rendere nuovamente vitale la salute all’interno del corpo del ricevente andando oltre il sollievo sintomatico.