DIFFERENZA TRA OSTEOPATIA BIODINAMICA E PRANOTERAPIA

L’osteopatia biodinamica e la pranoterapia sono all’apparenza molto simili ma in realtà molto differenti.

Vediamo in cosa consistono e quali possono essere gli elementi che li contraddistinguono.

L’osteopatia biodinamica non si concentra specificamente sulla lesione che impedisce la guarigione, ma piuttosto sulla salute che rimane sempre presente nell’organismo di ogni individuo.

L’operatore che applica la biodinamica innanzitutto valuta i movimenti dei tessuti e dei fluidi corporei, appoggiando delicatamente le mani principalmente su cranio, sacro, colonna, caviglie, ventre, e successivamente cerca di ristabilire un riequilibrio, favorendo le funzioni della linfa, dei liquidi intra ed extra cellulari e ancora cefalo-rachidiani.

I criteri su cui si basa la pranoterapia invece ruotano sostanzialmente intorno al prana, ossia al soffio vitale che – secondo la religione induista da cui questo concetto deriva – è presente e anima ciascun organismo, sia in salute che malato.

Secondo le basi della pranoterapia, l’operatore è una persona dotata di un’energia maggiore rispetto agli altri individui ed è capace di individuare gli squilibri del prana presenti nelle persone malate.

Una volta localizzate tali alterazioni, il pranoterapeuta sarebbe quindi in grado di trasferire al paziente malato parte della sua energia, riportando così l’equilibrio nel prana dell’individuo e trattando il disturbo.

Le principali differenze tra questi due tipi di terapie possono essere riassunte nelle seguenti:
✔️ L’operatore che applica l’osteopatia biodinamica, ristabilisce l’equilibrio dell’organismo valutando attraverso una palpazione delicata i movimenti dei tessuti, dei fluidi corporei e le funzioni del liquido cefalo-rachidiano, (liquor).
✔️ Il pranoterapeuta, individua le disfunzioni e trasferisce al paziente la sua energia riattivando così l’equilibrio nel soffio vitale del soggetto malato, in modo da trattare il disturbo e riportare la salute.

#OsteopatiaBiodinamica #Pranoterapia #differenze #StudiOsteopaticoGagliardi

Rispondi