L’UTILITÀ DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA PER IL NEONATO

Nel momento del parto a causa delle forze che si esercitano sul corpo del neonato all’interno del canale o per l’uso di un forcipe ostetrico o per una forte trazione manuale, si possono verificare situazioni di iperestensione della testa o la compressione dei condili occipitali.
Sarà quindi importante attraverso l’osteopatia biodinamica esercitare una decompressione occipite-atlante ed incoraggiare il movimento del complesso fronto-sfenoidale a compiere, per così dire, “un tuffo in avanti”.
Le asimmetrie del cranio verranno modificate delicatamente attraverso una pressione leggera sulle protuberanze ed una sulle parti infossate.
#OsteopatiaBiodinamica #neonato #StudiOsteopaticoGagliardi

Rispondi