LE MANI SENSIBILI DELL’OSTEOPATA BIODINAMICO

Gli osteopati identificano le proprie risorse nelle “mani sensibili” e nel “cervello intelligente”.
Si possono considerare la sensibilità e l’intelligenza dell’osteopata come forze vitali che possano indurre alla guarigione; Energie che come tali possono attingere al cd. “Soffio di Vita”, ovvero potenza suprema capace di animare, appunto, le forze vitali di ognuno.
Le tecniche dell’osteopatia biodinamica si possono applicare solo se operatore, paziente e ambiente hanno raggiunto il cosiddetto “Stillness” da intendersi come stato di quiete / pace / immobilità / respiro comune.
Nello specifico dell’osteopatia biodinamica si tende al ripristino del prospetto embrionario così come esso fu programmato per quel determinato soggetto.
Si offre, in sostanza, la possibilità di “riavvolgere il nastro” per consentire alle memorie preconfigurate di riemergere.
Tutto ciò avviene attraverso il delicato tocco che l’operatore biodinamico applica attraverso le proprie mani.
#OsteopatiaBiodinamica #manisensibili #toccodelicato#StudiosteopaticoGagliardi

Rispondi