Archivi tag: #RespirazionePrimaria

una respirazione che precede quella polmonare perché è la manifestazione stessa del flusso vitale.

SIGNIFICATO DEL TERMINE BIODINAMICA

Biodinamica significa ‘integrità’, interezza. Dal punto di vista dell’osteopatia biodinamica, l’integrità non è una teoria: è piuttosto il movimento della Respirazione Primaria. Il termine ‘biodinamico’ implica una qualità essenziale o “un’originalità”, come diceva Blechschmidt, che si osserva, in particolare, nei primi stadi dello sviluppo embrionale. Questo si riferisce ad una integrità, una completezza, che si presenta nell’embrione prima che si sviluppino le singole parti, e l’integrità rimane costante per tutta la vita. L’integrità è rappresentata dal movimento della Respirazione Primaria.

LE MODALITÀ DI PERCEZIONE DELL’AZIONE TERAPEUTICA DELLA RESPIRAZIONE PRIMARIA

La prima è quella bifasica.  I ritmi implicano una percezione di almeno due fasi all’interno di un ciclo del ritmo osservato, come l’impulso ritmico cranico (CRI) o la marea media.

La seconda modalità per percepire la  Respirazione Primaria è quella  uni-fasica: Frequentemente, la Respirazione Primaria si muove solo in una direzione. A volte la si può sentire muovere in entrambe le direzioni contemporaneamente. Ciò indica che esiste una singola fase continua che può avere origine da una sorgente all’interno del corpo o al di fuori del corpo o in nessuna di esse.  Ad esempio, spesso si può percepire muoversi per circa un minuto per poi svanire dalla percezione. Quando ritorna in un minuto o giù di lì, si muove nella stessa direzione.

In conclusione, la Respirazione Primaria si muove continuamente in una direzione o fase.  Ciò viene chiamato espansione intermittente continua in tutte le direzioni.

La terza  modalità per percepire la Respirazione Primaria è non-fasica. Composta da due sottocategorie, consapevolezza sottile e consapevolezza extrasensoriale. Non ci sono ritmi o fasi in questa categoria non-fasica, solo l’esperienza dell’amore, della compassione, della grazia, della pace e di molti altri stati.

 

I PRINCIPI DI PERCEZIONE DELLA RESPIRAZIONE PRIMARIA

Il primo principio fondamentale per percepire la Respirazione Primaria è: la RP è il movimento dell’interezza.

La Respirazione Primaria non è percepibile automaticamente. Si rivela attraverso la qualità dell’attenzione dell’operatore all’intero corpo e al mondo della natura come un continuum interconnesso.

Il secondo principio fondamentale è: la Respirazione Primaria e la Quiete Dinamica sono una cosa  sola, si scambiano costantemente di posto, in una danza percettiva.

il terzo principio fondamentale: la Respirazione Primaria è un fenomeno poliritmico. Si esprime in molti modi contemporaneamente. Chiaramente queste percezioni non sono lineari, ma più orientate in modo olistico a quella espressione della Respirazione Primaria che ci organizza e ci permette di percepire l’interezza.

LE FORZE BIODINAMICHE ESPRESSIONE DELLA SALUTE

Le forze Biodinamiche (espressione della ‘Salute’) si esprimono nel corpo attraverso una Respirazione Primaria, un ritmo che è più profondo della respirazione polmonare o del battito cardiaco, che muove le cellule, i fluidi e le strutture del corpo. Per analogia, potremmo riferirci ai movimenti ritmici e organizzati generati dalle Maree che vengono trasmessi all’acqua degli oceani.

Il nostro corpo è organizzato, sia a livello molecolare che cellulare, come una Matrice fluida uniforme. La concezione anatomica classica, del corpo suddiviso in parti, è stata superata grazie alle nuove possibilità di indagine microscopica e con microcamere. Il nostro corpo è biologicamente un continuum di una sostanza simile al gel che cambia consistenza e densità continuamente.

In Osteopatia Biodinamica, tale continuum viene definito Corpo Fluido o Matrice Fluida. I ritmi e le forze ordinatrici si esprimono nella matrice fluida, ordinandola e riorganizzandola. Tali ritmi e forze sono considerate espressione della ‘Salute’.
La ‘Salute’ in Osteopatia Biodinamica, non è quindi intesa come assenza di sintomi, ma è un principio attivo intrinseco al sistema vitale, una forza che organizza tutto ciò che avviene nella matrice fluida del corpo in ogni istante della sua vita.

Un pò di storia del termine biodinamica in osteopatia

Il termine “biodinamica” fu coniato dal Dott. Rollin Becker D.O e ulteriormente sviluppato da professionisti come James Jealous e Franklyn Sills.
L’approccio biodinamico all’osteopatia riconosce la presenza dei movimenti ritmici involontari prodotti da quella forza vitale intrinseca al corpo, scoperta e chiamata da W. G. Sutherland il “Respiro della Vita”.
Il fine principale della terapia biodinamica è preservare proprio tale principio vivificante fondamentale, il Respiro della Vita, che mantiene l’equilibrio nelle forma e nelle funzioni vitali.

OSTEOPATIA BIODINAMICA: TERAPIA MANUALE, ARTE DEL TOCCO

L’Osteopatia Biodinamica è una modalità di lavoro con il corpo rivolta organismo nella sua completezza.
Questo lavoro si basa sulla presenza di un respiro vitale, una forza organizzatrice che mantiene le funzioni dell’organismo secondo un principio di salute innato.
Il Respiro Vitale infonde ritmicamente l’informazione della salute in ogni cellula e il corpo risponde a questa trasmissione con ciclici movimenti di espansione e retrazione lenti e costanti; Questi movimenti sono definiti come “Respirazione Primaria” che distribuisce vitalità e ordine all’organismo attraverso il suo ritmico moto cellulare, percepibile in tutto il corpo.
Attraverso un tocco delicato e ricettivo, l’operatore biodinamico coopera con le forze della salute e le loro ritmiche espressioni, favorendo il ripristino dell’equilibrio nel sistema.
Durante una seduta si sperimenta un profondo assestamento, l’eventuale dolore si attenua, le tensioni si alleggeriscono e la persona percepisce il ritorno al naturale stato di benessere.
#OsteopatiaBiodinamica #Artedeltocco #RespirodiVita #RespirazionePrimaria #Salute #StudioOsteopaticoGagliardi