Archivi categoria: campi di azione

i campi d’azione dell’osteopatia biodinamica

DIFFERENZE TRA OSTEOPATIA E FISIOTERAPIA

DIFFERENZE TRA OSTEOPATIA E FISIOTERAPIA
L’osteopatia è un sistema di diagnosi e trattamento che pur basandosi sulle scienze fondamentali e le conoscenze mediche tradizionali (anatomia, fisiologia, ect..) non prevede l’uso di farmaci né il ricorso alla chirurgia, ma attraverso manipolazioni e manovre specifiche si dimostra efficace per la prevenzione, valutazione ed il trattamento di disturbi che interessano non solo l’apparato neuro-muscolo-scheletrico, ma anche cranio-sacrale (legame tra il cranio, la colonna vertebrale e l’osso sacro) e viscerale (azioni sulla mobilità degli organi viscerali).
L’osteopatia, in special modo con tecnica biodinamica applicata attraverso una palpazione molto delicata da parte dell’operatore risulta utile per vari disturbi, e può eseguirsi proprio per le sue caratteristiche su pazienti di ogni età, dai neonati agli anziani.
La Fisioterapia, oltre che di esercizi posturali, si avvale anche di macchinari, tipo ultrasuoni o ionoforesi, per arrivare sostanzialmente al semplice ripristino della zona che presenta la sintomatologia, non agendo sulle cause che la provocano.
Le principali differenze tra Osteopatia e Fisioterapia sono: L’Osteopatia mira a cercare la/le cause alla base del disturbo, anche se le stesse non si trovano nel “distretto” interessato, ad es. una lombalgia causata da un problema di caviglia o viscerale, mentre la fisioterapia ha generalmente un approccio più “locale” nei confronti della zona dolente/patologia.
Oggettivamente alcune tecniche osteopatiche sono più potenti di quelle fisioterapiche ed infatti per raggiungere i risultati sono necessarie meno sedute, 3/4/5 un ciclo osteopatico, almeno 10 quello fisioterapico.
Generalmente l’approccio fisioterapico è muscolare, fasciale, tissutale, articolare, ma non include tecniche sui VISCERI, sul CRANIO, sull’ATM ed è di solito molto meno “specifico”.
#OsteopatiaBiodinamica #Osteopatia #Fisioterapia #differenze #trattamento #StudioOsteopaticoGagliardi

CHI PUO’ TRARRE BENEFICIO DAI TRATTAMENTI DI OSTEOPATIA BIODINAMICA

Ogni persona può trarre beneficio dall’osteopatia biodinamica perché favorisce il riequilibrio del suo sistema corpo-mente, senza forzature, con grande rispetto della condizione presente al momento del trattamento.
Particolarmente consigliata in alcuni momenti specifici della vita:

  • neo-natale (traumi della nascita, coliche del neonato, sonno disturbato ecc.)
  • infanzia (iperattività, disturbi di apprendimento ecc.)
  • adolescenza (dolori mestruali, disturbi dell’alimentazione, amplificazione degli aspetti emozionali)
  • gravidanza (nausee, stanchezza fisica, dolori lombari,sbalzi d’umore…)
  • menopausa (sbalzi d’umore, disordini alimentari, insonnia, dolori articolari, ecc.)
  • vecchiaia (irrigidimento dei tessuti, tendenza alla depressione, artrite, ecc.)
  • e molto altro …

CAMPI DI APPLICAZIONE DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica risulta molto utile per il trattamento dei seguenti disturbi e disfunzioni:

DISFUNZIONI NEONATALI:

  • Plagiocefalia
  • Disturbi del Sonno
  • Rigurgiti
  • Coliche Gassose
  • Difficoltà di suzione
  • Otiti e Riniti ricorrenti
  • Asimmetrie Facciali
  • Disturbi Occlusali

DISTURBI COMPORTAMENTALI DEL BAMBINO

ALTERAZIONE DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ALTERAZIONI DEL SISTEMA ENDOCRINO

DISFUNZIONI STRUTTURALI E/O FUNZIONALI:

  • Dolori Articolari
  • Scoliosi
  • Ernia del Disco
  • Lombosciatalgie
  • Pubalgie
  • Torcicollo
  • Disturbi Temporo-Mandibolari
  • Disfunzioni e Dolori del Ciclo Mestruale
  • Periartriti
  • Ernia Iatali

SQUILIBRI CONSEGUENTI A TERAPIE FARMACOLOGIHE

Questi sono solo alcuni dei campi di applicazione su cui può agire l’osteopatia biodinamica.

 

 

Per quali patologie vengono effettuati i trattamenti di osteopatia biodinamica

‪#‎trattamenti‬ di ‪#‎osteopatiabiodinamica‬ per ‪#‎doloriarticolari‬ ‪#‎pubalgia‬‪#‎lombosciatalgia‬ ‪#‎torcicollo‬ ‪#‎disturbi‬ e ‪#‎disfunzioni‬ del ‪#‎ciclomestruale‬‪#‎erniadeldisco‬ ‪#‎disturbiATM‬ ‪#‎erniaiatale‬ ‪#‎colichetteneonatali‬‪#‎disturbidelsonno‬ ‪#‎plagiocefalia‬ ‪#‎cervicalgia‬ ‪#‎periartrite‬ ‪#‎scoliosi‬ ‪#‎otite‬‪#‎sinusite‬ ‪#‎colonirritabile‬ ed altro ancora
‪#‎StudioOSteopaticoGagliardi‬

cropped-cropped-cropped-cropped-logo-1.jpg

SPONDILOSI E OSTEOPATIA BIODINAMICA

La spondilosi è un’affezione della colonna vertebrale che consiste in uno stato degenerativo del disco e delle vertebre. Questa patologia colpisce solitamente le regioni della colonna interessate da un maggiore movimento articolatorio, come quella cervicale, lombare e sacrale, ma può manifestarsi, anche se con minore frequenza, anche a livello dorsale.
La spondilosi provoca limitazione del movimento e dolore sia nella zona colpita sia in altri distretti corporei attigui per effetto dell’irradiazione nervosa. Ad esempio, una spondilosi cervicale genera dolore anche lungo il decorso del braccio e della spalla e può, a volte, essere scambiata erroneamente per una contrattura muscolare temporanea. Inoltre, dà luogo al fenomeno patologico della “spondilolistesi”, ossia lo scivolamento di una vertebra sull’altra, con ulteriore aggravamento della sintomatologia avvertita dal paziente.
Il trattamento osteopatico della spondilosi spesso risulta molto efficace perché migliora in maniera evidente la mobilità della zona affetta e, soprattutto, allevia il dolore acuto fino a farlo sparire del tutto. Vista la particolare complessità della patologia, l’osteopatia biodinamica essendo particolarmente delicata e non invasiva risulta essere la tecnica più indicata.
‪#‎Spondilosi‬ ‪#‎osteopatiabiodinamica‬ ‪#‎trattamento‬‪#‎StudioOsteopaticoGagliardi

PARTO GEMELLARE DEFORMAZIONI DEL CRANIO DEL NEONATO E OSTEOPATIA BIODINAMICA

‪#‎puntodivistaosteopatico‬
Fratelli gemelli si dividono lo spazio all’interno dell’utero della futura mamma. Il bambino della destra, apparentemente inferiore a quello della sinistra, sembra essere a disagio, e bilancia sue gambette per che suo fratello ceda un posticino un po ‘ più grande.
Nei parti gemellari molto spesso i piccoli sono sottoposti a stress, per questo motivo è frequente che i gemelli nascano con delle piccole deformazioni craniali..
L’osteopatia biodinamica con la sua tecnica delicata è particolarmente indicata nei neonati favorendo la correzione delle deformazioni del cranio.
‪#‎osteopatiabiodinamica‬ ‪#‎partogemellare‬ ‪#‎deformazionicranio‬‪#‎StudioOsteopaticoGagliardi‬

gemelli2

Osteopatia Biodinamica di cosa si tratta

L’Osteopatia Biodinamica, trae origine direttamente dal pensiero di A. T. Still e W. G. Sutherland, fondatori dell’Osteopatia.

Dagli studi dell’embriologo tedesco Eric Blechschmidt si evince che esiste una biodinamica nell’evoluzione embrionale, che si basa sulla presenza di forze che dall’esterno incidono sull’attività interna del nostro corpo.

Nell’osteopatia biodinamica, viene dato grosso rilievo al concetto di salute, in realtà esso rappresenta un caposaldo dell’osteopatia sin dai tempi di Still, il quale dava grossa importanza alla salute, intesa come naturale tendenza all’auto guarigione.

L’osteopata biodinamico, innanzitutto valuta i movimenti dei tessuti e dei fluidi corporei, appoggiando delicatamente le mani principalmente su cranio, sacro, colonna, caviglie, ventre, e successivamente, attraverso appropriati protocolli di trattamento, cerca di ristabilire un riequilibrio, favorendo le funzioni della linfa, dei liquidi intra ed extra cellulari e ancora cefalo-rachidiani.

L’osteopatia biodinamica si allontana dalla manipolazione osteopatica intesa come tecnica manipolativa.

Vi sono relazioni nervose e muscolari importanti tra apparato digerente, sistema masticatorio, colonna vertebrale, appoggio plantare.

Quindi a prescindere da dove è il problema, è necessario valutare nell’insieme e individuare quale è il problema del dolore.

Quando i dolori accusati dai pazienti dipendono da una cattiva relazione tra le componenti muscolo-scheletriche, viscerali e tra il sistema nervoso e quello vascolare, l’osteopata biodinamico è in grado di liberare il corpo dalle possibili costrizioni patologiche che limitano il normale flusso energetico, restituendo all’organismo una fisiologia funzionale ottimale.

Una volta che viene risolto il problema alla radice, il corpo piano piano riprende vigore e si auto-cura.

osteopatia-biodinamica

COSA CURA L’OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica risulta utile nel trattamento di dolori articolari, cervicalgie, lombalgie, ernie del disco, pubalgie,  cefalee, problemi digestivi, mestruali, ernie iatali, esofagiti da reflusso, sindromi del tunnel carpale, dell’intestino irritabile, disturbi mandibolari, torcicollo, disturbi alla tiroide, visivi, otiti e tanto altro, per saperne di più visitate la nostra pagina facebook: Osteopatia Biodinamica