Archivi categoria: Corpo

Tutto ciò che riguarda il nostro corpo

L’OSTEOPATIA BIODINAMICA PER LA STENOSI CERVICALE

STENOSI CERVICALE
#puntodivistaosteopatico
con il termine “stenosi” si intende un restringimento che può essere quello di un vaso, oppure di un canale vertebrale come, ad esempio, quello del tratto cervicale.
Tale disturbo può comportare sintomi più o meno comuni che colpiscono, soprattutto, in età avanzata: dolore cervicale, dolore a braccia e spalle, debolezza degli arti, perdita del controllo dei movimenti e dei riflessi, manifestazioni spastiche, difficoltà nella deambulazione e disturbi sfinterici.
Le cause di questa malattia possono essere molteplici e includere un’ernia discale, malformazioni e deviazioni della colonna vertebrale, una spondilosi – artrosi cervicale, per cui è possibile fare degli esercizi – traumi, ipertrofia delle articolazioni e altro ancora.
L’osteopatia biodinamica risulta molto utile per il trattamento della stenosi cervicale, in quanto attraverso una palpazione delicata da parte dell’operatore, si tende a migliorare la circolazione di un vaso sanguigno o ad allentare la restrizione del tratto cervicale, così da alleviare di gran lunga la sintomatologia.
#OsteopatiaBiodinamica #stenosicervicale #trattamento #StudiOsteopaticoGagliardi

 

L’OSTEOPATIA BIODINAMICA PER LA SCOLIOSI

La scoliosi è una curvatura anomala della schiena in cui le vertebre vengono inclinate lateralmente. La colonna, per compensare questa deviazione, è sottoposta a una rotazione compensativa verso il lato opposto.
Dirette conseguenze della scoliosi sono lo spostamento laterale dell’asse di gravità, l’asimmetria delle spalle e l’asimmetria costale che causa una deformazione della gabbia toracica.

Questa anomalia della colonna vertebrale implica disfunzioni cranio sacrali e, talvolta, disfunzioni viscerali e problemi muscolari.

Attraverso le sedute di osteopatia biodinamica è possibile intervenire in questi ambiti riducendo le tensioni interne e restituendo benessere ed equilibrio all’organismo.

L’operatore aiuta il soggetto scoliotico in modo molto mirato e più efficiente rispetto a quanto possano fare soli esercizi di ginnastica correttiva.
#OsteopatiaBiodinamica #scoliosi #trattamento #StudiOsteopaticoGagliardi

NORME DA RISPETTARE PER PREVENIRE LA DIFFUSIONE E IL CONTAGIO DA COVID-19

Continuiamo a rispettare alcune semplici regole per prevenire la diffusione e il contagio da Covid-19.

✔️ Lavarsi le mani con acqua e sapone o utilizzando una
soluzione alcolica per almeno 30-40 secondi,
✔️ quando si starnutisce o tossisce usare sempre fazzoletti
monouso e quando non è possibile usare l’incavo del
gomito,
✔️ rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro
evitando gli assembramenti,
✔️ non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.

#OsteopatiaBiodinamica #Covid19 #rispettiamoleregole #Coronavirus #StudiOsteopaticoGagliardi

LA MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEL CORONAVIRUS

Facciamo un po’ di chiarezza sulla modalità di trasmissione del Coronavirus

Il virus sopravvive e si diffonde solo all’interno di goccioline di saliva.

Esistono 2 tipi goccioline di saliva:

1. UN’AEREOSOL MOLTO FINE che viene emesso con la respirazione ed evapora dopo pochi secondi uccidendo qualsiasi coronavirus al suo interno.

2. GOCCIOLINE PIÙ GRANDI emesse con un colpo di tosse o parlando che percorrono un metro, un metro e mezzo prima di depositarsi a terra.
Il rischio è molto alto nel momento in cui una persona malata si trova ad una distanza ridotta tale, per cui le particelle emesse possono giungere direttamente e rapidamente alle nostre mucose orali, olfattive e oculari infettandole.

Per questo motivo sono 2 le precauzioni che ci hanno chiesto di rispettare:

a) Evitare assembramenti in modo che l’aereosol fine emesso con la respirazione evapori prima di raggiungere chi abbiamo davanti o a fianco.

b) Rispettare la distanza di un metro, un metro e mezzo tra una persona e l’altra, in modo che anche le particelle più grandi emesse cadano a terra o sugli oggetti prima di raggiungerci.

#OsteopatiaBiodinamica #Covid19 #rispettiamoleregole #Coronavirus #StudiOsteopaticoGagliardi

LA TECNICA DI CONTATTO DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica è una tecnica di contatto e di relazione che l’operatore applica attraverso le mani, la presenza il cuore e il tempo.
Il principio vitale si manifesta attraverso dei movimenti ritmici (come la respirazione o il battito) ma anche da ritmi lenti chiamati “maree.
Queste sono l’espressione di una potenza profonda delle forze della Salute, che agisce nel sistema dei fluidi del corpo e che Sutherland chiamò il Respiro della Vita.
#OsteopatiaBiodidinamica #forzedellasalute #RespirodiVita #StudiOsteopaticoGagliardi

LA RESILIENZA

La Resilienza è la capacità di ogni persona di reagire positivamente alle avversità, accettando anche le situazioni più sfavorevoli senza abbattersi.

Questa qualità spinge l’individuo a rimboccarsi le maniche anche quando tutto si fa più difficile e complicato.

Mai come adesso dobbiamo tener duro ed avere la forza di andare avanti, per poter tornare alla normalità.

Non molliamo! 

#OsteopatiaBiodinamica #Resilienza #celafaremo #StudiOsteopaticoGagliardi

IL TRATTAMENTO DI OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica è un trattamento molto dolce in cui l’operatore agisce con dei leggerissimi tocchi sulle ossa craniche e sulla colonna vertebrale, in un approccio che punta a sintonizzarsi con il naturale ritmo cranio sacrale della persona trattata (per cranio sacrale si intende l’insieme delle ossa e delle vertebre che proteggono il sistema nervoso). Partendo dalla zona dolorante, o più sofferente (che non sempre è la causa del problema) si risale lungo tutto il sistema ristabilendone l’equilibrio olistico e l’armonia.
#OsteopatiaBiodinamica #trattamenti #StudiOsteopaticoGagliardi

CHI CORRE E FA SPORT ALL’APERTO HA PROBABILTÀ PIÙ ALTE DI ESSERE CONTAGIATO DAL CORONA VIRUS

È stato dimostrato che il Covid19 per sopravvivere, una volta espulso dal corpo umano infetto attraverso la bocca parlando o con un colpo di tosse, e tramite le vie aeree superiori soffiandoci il naso o con uno starnuto rimane sospeso nell’ aria in una nuvola di aerosol, cercando di appigliarsi alla moltitudine di particelle atmosferiche che in essa sono sospese, che lo tengono in quota e lo fanno viaggiare e volteggiare a distanza come le foglie al vento, in attesa di essere inalato dal malcapitato del momento.

Chi si allena correndo a bocca aperta respirando a pieni polmoni per lo sforzo fisico e muscolare, immettendo ed espellendo quindi una quantità maggiore di aria per lo stesso motivo, ha probabilità pericolosamente alte di inalare o ingoiare il virus sospeso, se nel percorso è stato preceduto da un ignaro portatore sano del virus, che lo ha diffuso in aerosol prima del suo passaggio.

Inoltre gli amanti dello jogging durante la loro corsa generalmente sudano, si affaticano, producono liquidi in quantità elevate, espellono frequentemente secrezioni oro-faringee e nasali, che vengono eliminate in modo naturale e spontaneo durante il veloce tragitto, le quali, se contaminate dal Corona, contribuiscono al diffondersi aereo dell’ epidemia.

Ce lo spiega Melania Rizzoli nel suo articolo su libero quotidiano del 20 marzo scorso https://bit.ly/395SbAh

Correre fa bene, ma mai come in questo momento dobbiamo pensare alla nostra salute e a quella degli altri restando a casa.

#OsteopatiaBiodinamica #Coravirus #Covid19 #Salute #iorestoacasa #StudiOstepaticoGagliardi 

 

LO SCOPO DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA

L’osteopatia biodinamica mira al mantenimento dello stato di salute della persona, considerata nella sua globalità fisica, emozionale ed energetica; in particolare, si focalizza sul sistema nervoso, responsabile del funzionamento di tutto il corpo e quindi costantemente impegnato nel mandare e ricevere informazioni. #OsteopatiaBiodinamica #SistemaNervoso #mantenimentodellasalute #StudiOsteopaticoGagliardi

IL NEUROMA DI MORTON

Il Neuroma di Morton è una metatarsalgia molto frequente che colpisce prevalentemente le donne.

Si può manifestare anche bilateralmente e può coinvolgere, nello stesso piede, uno o due raggi plantari.

Si tratta di una patologia degenerativa di un nervo plantare, situata a livello dell’avampiede in corrispondenza dello spazio fra le teste metatarsali, ove il nervo si divide nei due nervi digitali per le due dita vicine corrispondenti.

Si determina un progressivo aumento di diametro del nervo stesso che prende l’aspetto di una dilatazione fusiforme “a fiasca” per la progressiva proliferazione di tessuto fibroso al suo interno, con assottigliamento e lesione delle fibre nervose.

L’osteopatia biodinamica risulta molto utile in caso di neuroma di morton, in quanto, attraverso la palpazione delicata da parte dell’operatore si tende a diminuire il diametro del nervo calmando di gran lunga il dolore.
#OsteopatiaBiodiamica #NeuromadiMorton #trattamento #StudiOsteopaticoGagliardi