L’UTILITÀ DELL’OSTEOPATIA BIODINAMICA PRIMA, DURANTE E DOPO LA GRAVIDANZA

Quando è utile l’osteopatia biodinamica?

Prima della gravidanza

Quando il concepimento si rivela difficile, per preparare la gravidanza e le sue modificazioni corporee.

L’osteopatia è un approccio  che può portare soluzioni in certi casi di ipofertilità, dunque può favorire la gravidanza.

Nei casi in cui si siano verificati traumi importanti in seguito a incidenti, cadute, choc; la perdita di mobilità del bacino e della colonna può rendere aleatoria, in seguito inconfortevole una gravidanza.

Il caso specifico di coccige doloroso in seguito o meno a traumi importanti è una ottima indicazione per un trattamento prima di una gravidanza.

Il caso di “sacro spinto posteriormente” conseguente ad un precedente parto con una espressione uterina giustificata da una uscita per via bassa o nel caso di fuoriuscita della placenta. Questa lesione, porta a lombalgie con dolore diffuso nella parte bassa della schiena, qualche mese o anno dopo il parto.

Durante la gravidanza

La maggior parte degli osteopati preferisce non intervenire, prima che la placenta non si sia installata, ossia prima del terzo mese.

È comunque possibile intervenire durante questo periodo con delle tecniche appropriate, se dovessero apparire dolori o fastidi che possono disturbare la gravidanza.

Il caso di nausea in questa fase merita attenzione in quanto è molto frequente che l’osteopata possa alleviare o attenuare questi fastidi durante i primi tre mesi.

In seguito è possibile seguire qualsiasi gravidanza proprio per delicatezza della tecnica biodinamica.

In quanto ai dolori vertebrali, nella maggior parte dei casi, sono l’espressione di un sovraccarico di lavoro a quel livello ma, la causa è da ricercarsi nelle modificazioni fisiologiche e meccaniche dei volumi viscerali o del torace e soprattutto della posizione del feto nell’utero, e della qualità muscolare di quest’ultimo.

Dopo la gravidanza

Per un migliore recupero.

In collaborazione con l’ostetrica , in tutti i casi di rieducazione perineale del post-parto, sarebbe utile consultare un’osteopata al fine di ottenere risultati migliori, più stabili nel tempo.
Certe lesioni osteopatiche vertebrali, viscerali o cranio-sacrali possono perturbare una buona rieducazione.

Un esempio significativo è il caso delle cicatrici: cesareo, episiotomia, peridurale.

Le aderenze anche minime, dovute a cicatrici, sono suscettibili, di fare variare la mobilità di tutti i tessuti del bacino. In certe pazienti, il taglio cesareo, avrà un effetto importante sulla cerniera tra il bacino, il sacro e la regione lombare e parteciperà alla comparsa, in futuro, di dolori in quelle zone.

Qualche altro esempio:

  • una costipazione si instaura più o meno dopo un parto avvenuto con una espulsione molto rapida;
  • dolori al coccige subito dopo il parto o dopo qualche mese;
  • mal di testa o dolori della parte bassa della schiena qualche mese dopo il parto ove si è presentata una espressione uterina per aiutare l’espulsione del bambino o per favorire l’uscita della placenta;
  • dolori durante i rapporti qualche settimana dopo il parto;
  • in tutti i casi di cistiti ripetitive, di discesa d’organi (ptosi);
  • nelle incontinenze urinarie o sensazioni irreprimibili.

COSA SIGNIFICA BIODINAMICA

Eric Blechschmidt M.D., embriologo di fama mondiale, utilizza il termine biodinamica per descrivere i movimenti submicroscopici dei campi metabolici presenti nello sviluppo dell’embrione; questi “campi di attività dinamica” sono considerati l’espressione d’una geometria assoluta, che rappresenta il fondamento stesso della vita.

Il termine biodinamica significa che i movimenti materiali o fisici che caratterizzano lo sviluppo, sono generati direttamente dalle forze naturali o innate presenti in un organismo vivente.

La biodinamica è la storia o la scrittura del mistero embrionario.

 

OSTEOPATIA BIODINAMICA PER L’ERNIA IATALE

Per ernia iatale si intende lo spostamento di una porzione di stomaco dalla cavità addominale alla cavità toracica questo comporta un bruciore nel petto e bruciore in gola, soprattutto al mattino, o comunque sensazione continua di reflusso, specie in particolari condizioni, a volte è sufficiente chinarsi per allacciarsi le scarpe.
L’osteopatia biodinamica risulta molto utile in caso di ernia iatale, in quanto attraverso una palpazione delicata da parte dell’operatore, si tende a ristabilire la situazione dinamica dei visceri e delle parti strutturali immediatamente connesse, così da migliorare di gran lunga la sintomatologia.
#OsteopatiaBiodinamica #erniaiatale #trattamento #StudioOsteopaticoGagliardi

CRAMPI AI POLPACCI E OSTEOPATIA BIODINAMICA

I crampi ai polpacci consistono in contrazioni improvvise dei muscoli del polpaccio (o anche solo di qualche fibra del muscolo), degli spasmi che, persistono intensamente per qualche secondo o anche qualche minuto, provocando un dolore acuto.
L’osteopatia biodinamica risulta molto utile in caso di crampi ai polpacci, in quanto attraverso una palpazione molto delicata da parte dell’operatore si tende a decontrarre i muscoli interessati, così da alleviare di gran lunga il dolore e recuperare di conseguenza il corretto movimento.
#OsteopatiaBiodinamica #crampiaipolpacci #trattamento#StudioOsteopaticoGagliardi